contatti    pagina facebook   pagina twitter
HOME Cronaca Provincia Eventi e Società Rubriche Sport Foto Video Contatti
Provincia
Il sindaco di Bozzolo ha già pronto il progetto
Bypass ferroviario, il Comune disponibile all'acquisto delle aree
pubblicato il 21 agosto 2017 alle ore 20:57

Bozzolo Bypass ferroviario al centro dell’attenzione del Comune di Bozzolo che nei giorni scorsi ha chiesto l’apertura di un tavolo di concertazione  in Regione dicendosi, inoltre, disponibile a partecipare alle spese per l’acquisto delle aree interessate dai lavori.
Quello delle lunghe attese davanti al passaggio a livello è uno dei problemi principali del Comune di Bozzolo per il quale da tempo la cittadinanza chiede una soluzione. Le lunghe code in attesa del passaggio dei treni non è, infatti, un disagio solo in termini di tempo ma anche da sicurezza: spesso le colonne d’auto che si formano raggiungono anche la strada provinciale, molto trafficata, andando così a creare rischi per tutti i mezzi che la percorrono. Proprio per cercare di trovare una soluzione si era iniziato a parlare, soprattutto negli ultimi mesi, della creazione di un bypass: intervento per il quale, una quindicina di giorni fa, il sindaco Giuseppe Torchio ha chiesto all’assessore alle infrastrutture ed alla mobilità di Regione Lombardia Alessandro Sorte l’apertura di un tavolo di lavoro per discutere della vicenda e trovare tutte le soluzioni possibili. E proprio alla Regione il Comune di Bozzolo ha presentato un progetto del bypass. «Noi siamo disponibili a partecipare nell’acquisto delle aree necessarie. E non è poco - spiega il primo cittadino, che continua -, il privato ribadisce la disponibilità a sostenere il progetto». E proprio guardando al piano presentato, Torchio ribadisce come oltre all’ok del privato, Migross, ci sia già anche la disponibilità degli agricoltori a cedere le aree. Diverse le proposte contenute nel progetto presentato. Tra queste l’attraversamento della ex S.S. 10, nonchè la ciclopedonale tra il centro abitato e la Piccola Badia. Intervento, questo, che permetterebbe di collegare il limite ovest di via Arini e il centro storico con via Nuova. Guardando, invece, ad una risoluzione del traffico in corrispondenza dell’ingresso al centro abitato, in rapporto alla ferrovia ed all’attuale passaggio a livello (poichè le Ferrovie dello Stato hanno la possibilità di intervenire per la realizzazione di un bypass vicino all’attuale passaggio a livello) si propone un sottopassaggio alla ferrovia a nord di via Cremona. Un intervento, questo, che qualora la nuova bretella fosse collegata direttamente alla strada provinciale,  porterebbe all’esclusione dell’area industriale dal centro storico. L’idea è, dunque di orientare la nuova bretella sulla viabilità comunale esistente modificando la rotatoria tra via Cremona e Viale Lombardia ed ottenendo così un’intersezione a cinque braccia.

Commenti