Eventi e Società
Giovedì in piazza Sordello
In tremila per Alvaro Soler
pubblicato il 19 luglio 2017 alle ore 21:16
immagine
Alvaro Soler al GruVillage Festival (foto Daniele Solavaggione)

Mantova     Ve la ricordate l’estate del 2015? In radio passava una canzone dal ritmo leggero e coinvolgente, il cui titolo era “El mismo sol”, da alcuni amata sin dalla prima nota, da altri snobbata e bollata come semplice e passeggero tormentone. Ad ogni modo, si trattava di una canzone che ha permesso al popolo musicale italiano di fare la conoscenza con Alvaro Soler. E adesso il cantante, catalano di nascita ma giramondo sin dall’infanzia, si appresta a calcare il palco di piazza Sordello, nell’ambito della rassegna “Mantova Arte e Musica”, dopo l’esordio italiano al GruVillage Festival. Per i fan e le fan più giovani, Alvaro Soler è un’istituzione che non ha certo bisogno di presentazioni, ma per gli appassionati un po’ più attempati, qualche nozione del background dell’artista può risultare utile. Classe 1991, Soler si avvicina al mondo della musica e alla notorietà all’età di 17 anni, partecipando al talent show “Tù sì que vales” con la band degli Urban Lights. Ma, come dicevamo, l’anno di svolta è proprio il 2015 con il lancio del singolo “El mismo sol”, che sarà poi inserito nell’album “Eterno agosto”. Con l’Italia, il feeling di Soler è particolarmente vivo, come dimostrano la sua vittoria al Summer Festival di Roma con il brano di cui sopra, la partecipazione ad X Factor come giudice, dove trionferà in finale con i suoi Soul System, e lo show al Festival di Sanremo come ospite. Nel frattempo, il buon Alvaro non ha lasciato a bocca asciutta i suoi fan fino ad oggi, regalando a loro e al palinsesto radiofonico, due hit come “Sofia” e la recentissima “Yo contigo, tú conmigo”, brano scritto ed eseguito in ensemble con il gruppo folk Morat. Dopo il successone del baronetto Elton John, ora tocca ad Alvaro Soler salire sul palco di piazza Sordello questa sera alle 21.30. Fare un paragone tra i due show, e se vogliamo rincarare la dose mettiamoci pure il concerto del 28 luglio di Sting, è controproducente. Si tratta, infatti, di due spettacoli differenti con target altrettanto agli antipodi. Tuttavia, l’interesse intorno ad Alvaro Soler così come l’energia che esprime e imprime nei suoi live, fanno capire che, anche questa sera, Mantova avrà l’opportunità di vivere una serata di grande musica. 
 

Commenti