Provincia
Il sindaco: "Ora si paga il giusto"
Rifiuti fai da te: non si torna indietro
pubblicato il 5 luglio 2017 alle ore 12:50
immagine
Rifiuti fai da te: non si torna indietro

Guidizzolo  «Non si torna indietro. Il sistema deve trovare un equilibrio sulla base del principio: chi inquina paga». Questo è l’incipit  del  pensiero del sindaco   Stefano Meneghelli  riguardo alla vicenda che ha visto coinvolti parecchi guidizzolesi rispetto al rincaro, in alcuni casi  spropositato, della Tari.  «E’stato uno shock per il paese il cambio di sistema di divisione dei costi. Purtroppo per anni molti hanno pagato molto poco e il loro smaltimento era sulle spalle degli altri  cittadini che al contrario  pagavano una tariffa ingiusta e molto più cara». Il primo cittadino non tentenna  e, come dichiarato, non solo non crede opportuno mettere in discussione la scelta fatta - la raccolta autonoma dei rifiuti e il recesso dal contratto con Mantova Ambiente -  anzi. Meneghelli insiste sul fatto che la soluzione cercata e attuata all’indomani dell’insediamento. è quella più giusta e meno impattante. Il primo cittadino spiega ai suoi cittadini, rimasti traumatizzati dall’arrivo della prima bolletta Tari dopo il cambiamento  - si ricorda che in alcuni casi c’è stato un rincaro fino al 60% -  che il metodo battezzato in modo semplicistico “fai da te” rende tutto più equilibrato.  «Ora la tariffa é calcolata a persona per quanto riguarda le utenze domestiche per il principio che è la persona che produce rifiuto e non lo spazio vuoto - ha proseguito Meneghelli -.  Per quanto riguarda invece le utenze non domestiche si applica il principio dello spazio che produce rifiuto. Cosa vuol dire:  tanti metri quadrati tanto si paga, secondo  a dei coefficienti differenziati in base alle diverse attività .In questi casi abbiamo riscontrato che molte attività avevano dichiarato superfici inferiori.  Da quando abbiamo prelevato  il servizio di raccolta da Tea sono partiti anche i  controlli che ci hanno permesso di scoprire i metri quadrati non dichiarati e i nuclei familiari.  Purtroppo in passato non sono mai stati fatti con la conseguenza che  molti guidizzolesi hanno beneficiato di agevolazioni non dovute ed ora, gli stessi, sono arrabbiati perché vengono a pagare il giusto. Aggiungo, infine, che il vero risparmio sulle bollette sarà visibile dal prossimo anno». 

Sabrina Cavalli
Commenti