Provincia
Altro passo avanti per l'unione di Revere, Villa Poma e Pieve
Fusione nel Destra Secchia: nasce il Comitato per il sì
pubblicato il 19 giugno 2017 alle ore 17:03
immagine
Il municipio di Revere

Destra Secchia  Come annunciato nei giorni scorsi dai tre sindaci, ora sulla questione della fusione dei comuni di Villa Poma, Revere e Pieve di Coriano è arrivato anche il “Comitato per il Sì”: una decisione presa sia per fornire un adeguato contraltare al Comitato per il No nato alcune settimane fa e presieduto dall’ex sindaco di Revere Alberto Longhini, ma anche per creare un gruppo di lavoro utile a fornire, attraverso una serie di iniziative che saranno calendarizzate nei prossimi giorni, tutte le informazioni utili ai cittadini. Non è un caso che il comitato veda la presenza, al proprio interno, di moltissimi ex amministratori dei tre paesi, a cominciare dall’ex sindaco di Pieve di Coriano Andrea Bassoli (che sarà anche il coordinatore del Comitato), passando per l’ex sindaco di Revere Giorgio Strazzi, l’ex assessore reverese Mara Manzoli, l’ex assessore di Villa Poma Raffaella Lanzoni e uno storico amministratore del comune di Pieve come Maurizio Roveri: la loro presenza, spiegano dallo stesso Comitato, è la prova che la questione della fusione va oltre le divergenze ideologiche (gli ex amministratori presenti sono di diversa collocazione politica) e che sia necessaria una capillare informazione per chiarire ai cittadini gli aspetti più intricati di un passaggio sicuramente epocale, nelle intenzioni degli amministratori foriero di ricadute positive sul territorio comunale, ma che come tutti i passaggi epocali presenta – qualora il referendum di ottobre dia di fatto il via libera a questo processo – numerose difficoltà. Il Comitato per il Sì alla fusione si riunirà mercoledì per decidere quali azioni mettere in campo e per stilare un calendario degli appuntamenti rivolti alla cittadinanza. (n.a)

 

Commenti