Provincia
Donna picchiata a Bagnolo
Accusa il marito: mi ha rotto femore e setto nasale
pubblicato il 6 maggio 2017 alle ore 22:18
immagine
Accusa il marito: mi ha rotto femore e setto nasale

Bagnolo San Vito Ha litigato con il marito che le ha dato una sberla. Lei allora ha fatto per andarsene e si è avviata verso la sua auto con il coniuge alle calcagna che l’avrebbe spintonata facendola finire a terra. Una brutta caduta o è andata diversamente? Fatto sta che una 63enne di Bagnolo San Vito è finita in ospedale, reparto Ortopedia con una prognosi di un mese per la frattura di un femore e del setto nasale, mentre suo marito è stato denunciati per lesioni gravi. È successo nella tarda mattinata di venerdì quando è scoppiata una lite a casa di una coppia che abita in paese. Il motivo? Non è dato saperlo. Fatto sta che a un certo punto l’uomo avrebbe alzato le mani colpendo la moglie al volto con uno schiaffo. La donna a quel punto decideva di andarsene, e così usciva di casa dirigendosi verso la sua auto. Il marito però la seguiva, forse perché non aveva ancora sbollito la rabbia oppure perché voleva trattenerla. Ci sarebbe stata così una seconda colluttazione, in seguito alla quale la 63enne veniva spintonata e cadeva a terra, senza riuscire più a rialzarsi. A chiamare l’ambulanza sarebbe stato lo stesso marito-aggressore. La 63enne raccontava quindi ai suoi soccorritori di essere stata picchiata dal marito; accuse che ribadiva in ospedale a Mantova. I medici del pronto soccorso le riscontravano la frattura di un femore e del setto nasale per una prognosi di circa 30 giorni con ricovero nel reparto di Ortopedia. Nel frattempo sul luogo dell’aggressione si erano già portati gli agenti di una Volante che avevano provveduto a identificare l’aggressore e a svolgere i primi accertamenti. Ora, vista l’entità delle lesioni riportate dalla 63enne, per l’uomo è scattata la denuncia d’ufficio, mentre il caso è stato trasmesso agli agenti della Squadra Mobile che condurranno le indagini, e che nei prossimi giorni sentiranno la donna per ricostruire con esattezza l’accaduto. Quella dell’altro ieri a Bagnolo non è che l’ultimo caso di violenza domestica registrato nel Mantovano. La media di aggressioni ai danni di donne è di una al giorno nella nostra provincia, ma negli ultimi mesi si sta registrando una recrudescenza del fenomeno, che in alcuni episodi è sfociato anche in casi di estrema gravità.

Carlo Doda
Commenti