Provincia
A Villimpenta
Africani molesti al mercato, chiamati i Cc
pubblicato il 24 aprile 2017 alle ore 21:15
immagine
Africani molesti al mercato, chiamati i Cc

Villimpenta  Era successo di recente a Castel d’Ario e domenica scorsa si è ripetuto a Villimpenta. Africani “molesti” che non danno tregua agli avventori dei mercati paesani. Anche nelle piccole località di provincia è tornato a crescere a livelli non trascurabili il fenomeno dell’accattonaggio effettuato da persone che chiedono ai passanti un aiuto in denaro con insistenza e, in più di qualche occasione, sfoggiando atteggiamenti aggressivi. Specie quando i passanti si rifiutano di allungare loro l’elemosina. Ne sa qualcosa il 52enne che l’altro giorno si è visto, suo malgrado, vittima della prepotenza di un nigeriano non nuovo a episodi del genere (sempre a Villimpenta era stato allontano da un bar qualche tempo fa, mentre a Gazzo Veronese aveva provocato la caduta di un’anziana dalla bicicletta). Il richiedente asilo è arrivato a Villimpenta intorno alle 9 insieme ad un connazionale. Entrambi in bicicletta. Quindi si sono messi a fermare i clienti dei banchi del mercato, rendendo ancor più difficile il lavoro di chi onestamente paga la tassa per il proprio stallo. Qualche minuto dopo l’episodio che ha costretto alcuni testimoni a chiamare i carabinieri. «Dammi due euro», ha detto lo straniero al 52enne. Al rifiuto dell’uomo, la risposta del profugo è stata un «vaffa…», con annessa esposizione del dito medio. Quasi incredulo per quanto si stava verificano, l’italiano ha invitato l’africano a tornarsene al suo Paese, restituendo con gli interessi il «vaffa…». Ma a quel punto lo straniero ha mostrato il pugno, sfiorando quello che ormai aveva percepito come un oppositore con uno sputo. I carabinieri della Stazione di Castel d’Ario sono arrivati qualche minuto più tardi sul posto, provvedendo ad indentificare i due uomini di colore e a redarguirli per l’atteggiamento aggressivo che stavano tenendo nei confronti dei passanti. Entrambi sono risultati due richiedenti asilo provenienti da Nogara. Dopo l’intervento dei militari i due sono montati in sella alle rispettive biciclette dirigendosi verso il veronese. (m.v.)

Commenti