Provincia
L’evento fino al 21 maggio
Castel d'Ario: Festa risotto, tradizione senza tempo
pubblicato il 15 maggio 2018 alle ore 17:16
immagine
I volontari maestri risottai (Foto Turina)

Castel d’Ario - Prosegue fino al 21 maggio a Castel d’Ario la Festa del Riso alla Pilota De.C.O. organizzata dalla Pro Loco con la collaborazione di Avis e Centro Sociale. La manifestazione gastronomica, che oltre al riso simbolo del paese di Tazio Nuvolari prevede una serie di opzioni "alternative", fra cui quelli con il pesciolino e con le rane, è scattata giovedì scorso 10 maggio presso l'area festa di piazza Castello, con le autorità comunali, capeggiate dal sindaco Daniela Castro, e gli alunni delle scuole locali. «Al di là dell'aspetto prettamente culinario - ha detto il presidente della Pro Loco, Paolo Soave - il messaggio che si vuole diffondere è l'attaccamento dei volontari della nostra associazione per il proprio paese. Obiettivo della Pro Loco - ha proseguito - è "proteggere" e raccontare aspetti dell’identità della cultura, della storia, delle tradizioni e dei valori di Castel d'Ario, luogo che vanta un patrimonio importantissimo, che per questo merita di essere messo in risalto con ogni iniziativa». E a proposito di iniziative: durante le domeniche della festa sarà possibile visitare gratuitamente il Castello millenario con le guide accuratamente formate dalla storica Gabriella Mantovani. Le strutture più antiche della fortificazione risalgono al XI secolo. Di proprietà dei Principi Vescovi di Trento, dal 1082 fino al 1796, la costruzione fu amministrata prima dai veronesi, poi dai Bonacolsi e quindi dai Gonzaga. E ancora: musica, spettacoli dal vivo e saggi della scuola primaria di Castel d'Ario con l’esperienza “Il Teatro dei colori”, suggestivo viaggio tra quadri ed emozioni compiuto dagli alunni delle classi seconde, terze, quarte e quinte.

Matteo Vincenzi

Commenti