Cronaca
Sabato nella capitale francese
Parigi, un mantovano testimone dell’attentato Isis
pubblicato il 15 maggio 2018 alle ore 12:26
immagine
Il gruppo del regista virgiliano Michele Bizzi a Parigi

Mantova - Parigi ripiomba di nuovo nell’incubo del terrorismo islamico: l’ultimo attacco, rivendicato dall’Isis, si è consumato sabato sera 12 maggio nella zona dell’Opéra. Erano circa le ore 21.00 quando un uomo armato di coltello ha iniziato ad aggredire alcuni passanti prima di essere colpito dalla polizia. Un bilancio pesante con un morto, oltre all’assalitore, e otto feriti di cui due in gravi condizioni. Tra i testimoni di questo ennesimo episodio di terrore anche un cittadino mantovano. Si tratta di Michele Bizzi, regista cinematografico 34enne di Castel Goffredo, proprietario della casa di produzione “Kinedimorae”, nonchè produttore dello spot pubblicitario Casamorati. Bizzi era nella capitale francese assieme alla fidanzata e collega Claudia Di Lascia e alle attrici Giovanna Rossi e Paola Giacometti, quest’ultima originaria di Castiglione delle Stiviere, per partecipare al "Paris Short Film Festival" con il cortometraggio comico “Man Sharing”. Fortunatamente, nel momento dell’attentato terroristico, i quattro artisti si trovavano in un luogo decentrato rispetto al punto della strage. «A quell’ora - ha raccontato Michele - eravamo tutti a cena al ristorante le “Georges” ubicato a circa un chilometro dal luogo della strage. Da dentro il locale non abbiamo avuto percezione di quanto stesse accadendo in strada. Ad avvertirci dell’accoltellamento è stato un nostro conoscente attraverso un messaggio spedito via Twitter. A quel punto ci siamo resi conto che era successo qualcosa di terribile. In breve si è scatenato un fuggi fuggi generale, con grida di panico e gente che si stendeva a terra. Molti passanti hanno trovato riparo all’interno dei locali, gridando che fuori c'era un uomo col coltello insanguinato che inseguiva tutti. Numerose persone hanno trovato rifugio nei ristoranti, e le porte d’ingresso sono state immediatamente bloccate dall’interno». L’ennesimo episodio di terrore a cui però il regista castellano pare aver fatto l’abitudine. Quale spettatore del tutto involontario, infatti, nel 2017 era sul luogo dell’attentato alla metropolitana di Londra del 9 settembre e dopo sole tre settimane si è trovato a pochi chilometri dell’attentato di Bruxelles fino all’ultimo episodio parigino.

Valentina Li Puma

Commenti