Sport
Calcio Serie D
Acm, i biancorossi si avvicinano ai play off
pubblicato il 16 aprile 2018 alle ore 15:04
immagine
Carrasco rincorre il pallone

Adria (Ro) - I freddi numeri dicono che siamo al terzo 0-0 consecutivo; che da 4 partite il Mantova non prende gol; e che nelle ultime 6 gare ha segnato appena 3 volte. Tiriamo la riga e concludiamo che soddisfazioni e rimpianti vanno di pari passo. Già, perchè anche il pareggio rimediato domenica 15 aprile in casa dell’Adriese può essere archiviato come un risultato positivo e prezioso: tiene a debita distanza una rivale per i play off e consente ai biancorossi di agganciare l’Este al quarto posto. Allo stesso tempo, come già contro Este e Campodarsego, il Mantova, con il solito pizzico di intraprendenza in più in attacco, poteva tornare da Adria con l’intera posta in palio. Abbiamo comunque ammirato, specie nel primo tempo, una squadra più dinamica e brillante rispetto alle ultime uscite. Una squadra capace non solo di resistere alle accelerazioni dell’Adriese, ma anche di costruire occasioni con maggiore frequenza. Carrasco, in particolare, è andato vicinissimo al gol almeno un paio di volte. Insomma, si registrano progressi anche su questo fronte, sebbene l’ultimo step (il gol) non sia ancora stato raggiunto. Il Mantova ha tre partite per riuscirci: è fondamentale, se vorrà vincere i play off. Già, ma ci tiene a vincere i play off, per garantirsi una corsia preferenziale in ottica ripescaggio? Sarà il tema delle prossime settimane, ora che è stato definito l’ingresso di Dana in società. A tal proposito, il neoazionista di viale Te ha fatto capire che punterà all’approdo in C. L’attuale proprietà, invece, sull’argomento si è sempre mantenuta sul vago. Sarà interessante ora vedere cosa succederà, in quello che si presenta come il primo banco di prova per la nuova compagine allargata. E per due gruppi, Dana e i soci “storici”, di estrazione ed esperienze diverse, che dovranno convivere e trovare un equilibrio. L’esperienza più o meno recente, in casa Mantova e non solo, ci racconta che tutto ciò non è scontato. Il gruppo Dana sta entrando nel Mantova (formalmente non l’ha ancora fatto: bisogna attendere l’assemblea dei soci che deliberi l’aumento di capitale) con grande entusiasmo e, a quanto pare, voglia di ben figurare. Come si rapporterà con l’attuale base societaria sulle scelte più delicate? “Nessuno stravolgimento”, ha promesso il finaziere ferrarese. Ma è difficile immaginarlo in un angolo ad avallare passivamente le decisioni altrui. Insomma, che i soci attuali vogliano ammetterlo o no, qualcosa per forza cambierà. In quale direzione si sta svoltando, è impossibile prevederlo. Il popolo biancorosso si augura vivamente sia quella giusta.

Gabriele Ghisi

Commenti